Per Paul Klee “il disegno è l’arte di condurre una linea a fare una passeggiata”, e noi oggi, per il nostro quarto appuntamento con la creatività, vi portiamo a fare una bellissima passeggiata insieme a Marco Bonatti!

Parlaci un po’ di te, scegliendo tre aggettivi con i quali definiresti la tua personalità creativa.

Ciao! Mi ritengo una personalità tendente al dark e forse, proprio per questo, cerco un contrasto con tale personalità proponendo illustrazioni colorate, leggere, ironiche ed eleganti. Inoltre mi piace essere gentile e riservato e forse lo sono anche.

Che caratteristiche cerchi prima di impugnare la matita?

Prima di impugnare la matita osservo attentamente il foglio bianco davanti a me e nel mentre penso a tutti gli insegnamenti appresi negli anni alla Scuola del Fumetto di Milano o per esperienza diretta sul campo. Parto dalla composizione e mano a mano che inserisco gli elementi da illustrare, cerco di comporre la mia illustrazione considerando due elementi, eleganza di linee e colori e leggerezza, un elemento quest’ultimo che cerco nella recitazione dei personaggi, personaggi che non si prendono mai sul serio.

Cosa ti attira principalmente per realizzare le tue opere?

 

I miei soggetti ideali sono gli animali, in particolar modo i gatti, ne ho tanti modelli viventi che girano per casa e non perdo mai l’occasione per studiarli disegnando. Un altro soggetto che mi piace illustrare sono i cavalieri che cavalcano o meno improbabili destrieri, mi piace illustrarli dai toni Don Chisciotteschi, una sorta di esercito Brancaleone su carta. Tutti i soggetti che cerco di illustrare mi piace realizzarli in modo grottesco.

Se al tuo compleanno ti venisse regalata una macchina del tempo, in che epoca ti sarebbe piaciuto vivere dal punto di vista artistico?

Nella Preistoria!!! Al di là delle scomodità della vita quotidiana, avrei avuto un sacco di pareti di grotte da riempire con i miei disegni che avrebbero dato il via ad un esclusivo e primordiale gusto estetico.

Che rapporto hai con la comunicazione moderna? (Social/virtuale)

I social mi hanno sempre aiutato ad esporre il mio lavoro a costo zero. Lavoro che possono vedere in tutto il mondo e grazie a questa esposizione diretta ho la possibilità di promuovere il mio lavoro facilmente con l’obiettivo di dar vita a nuove collaborazioni professionali non solo in Italia ma in tutto il mondo. Inoltre i social sono una vetrina di tanti illustratori, fumettisti, disegnatori e pittori bravissimi che non perdo mai l’occasione di andare a sbirciare per diventare fan.

Nel panorama social attuale, ci potresti dire tre personalità creative che meritano attenzione?

Monica Rossi, Martina Naldi e Veronica Ruffato.

Concludiamo in bellezza, lasciando campo libero su quello che vuoi dirci…

“If you have good thoughts they will shine out of your face like sunbeams and you will always look lovely.” Roald Dahl

Mattia Barcella
mbarcella@shakemymag.it
Nato sotto il segno dell'Acquario nell'ormai lontano 1988. Da qualche anno abito in un borgo medievale a pochi chilometri da Bergamo, dove gli unici a disturbarmi mentre scrivo sono i rintocchi del campanile e il belare di un gruppetto maleducato di pecore. Appassionato sin da piccolo di giornalismo ed attualità. Amo il profumo della carta di giornale così come quella dei libri che non smetterei mai di comprare. Ho fondato e dirigo ShakeMyMag.

Lascia un commento