L’intento del contenitore culturale Marshmellow è quello di dare sempre nuova forma alla necessità di comunicare ed offrire spazio e visibilità ai giovani illustratori della scena contemporanea.

Primo progetto promosso è “All Type of Love” che nasce inizialmente come mostra, con l’intento di raccogliere in unico luogo una coralità di voci eterogenee sul tema dell’amore, in tutte le sue sfumature: dalla più tenue alla più accesa.

Vanta la partecipazione di ben 20 illustratori, uno per ogni “Type of Love”:
Giulia Nava, Hikimi, Mattia Distaso, Laura Micieli, NAKI, Marco Bonatti, Marta Bi, Francesco Caporale, Loris Sunda Dogana, Federica Feds, Serena Gianoli, Claudia Bernardi, Sara Bani Alunno, Valeria Cairoli, Violante Broccolo, Elena Scilinguo, Alessandro Razzini, Daniel Trudu, Jhonny Cobalto e Francesco Poroli.

Il progetto si arricchisce con i testi del collettivo ROA (Rivista Online d’Avanguardia) ed il tutto confluisce in una fanzine-raccoglitore creata ad hoc.

“L’inaspettato riscontro positivo del progetto ci dice che, se l’editoria mainstream è in crisi, quella indipendente gode del crescente interesse di un pubblico attento e curioso.”

Daniel Trudu, giovane illustratore tra i promotori di Marshmellow.

Le illustrazioni sono attualmente esposte in due sedi: presso il Carmen Town di Brescia dal 13 febbraio al 11 marzo, e dal 14 al 24 febbraio presso lo Spazio Galileo all’interno del Leoncavallo di Milano (via Antoine Watteau 7); proprio in quest’ultima location festeggeremo, a partire dalle 19:00, un San Valentino non convenzionale ma sempre all’insegna dell’amore, in compagnia di altri artisti e collettivi: le illustrazioni de Il Minuto Instabile, gli oggetti di design di Fé Artndesign e “A queer culture illustrated guide” di Mariagloria Posani.

Per conoscere date ed orari consultare le pagine Facebook di Marshmellow e Leoncavallo. Da evidenziare che la mostra al Leoncavallo sarà ad ingresso è gratuito, ad eccezione del 24/02 perché in tale data sarà presente un altro evento con ingresso a pagamento.

Mattia Barcella
mbarcella@shakemymag.it
Nato sotto il segno dell'Acquario nell'ormai lontano 1988. Da qualche anno abito in un borgo medievale a pochi chilometri da Bergamo, dove gli unici a disturbarmi mentre scrivo sono i rintocchi del campanile e il belare di un gruppetto maleducato di pecore. Appassionato sin da piccolo di giornalismo ed attualità. Amo il profumo della carta di giornale così come quella dei libri che non smetterei mai di comprare. Ho fondato e dirigo ShakeMyMag.

Lascia un commento