C’erano una volta case grandi, con salotti sconfinati e tante stanze. Ora le cose sono cambiate ed è tempo delle tiny house.

Queste micro case sostenibili sono nate negli Usa qualche anno fa e iniziano a spopolare anche oltre oceano. In risposta sia alla crisi economica, sia ad un nuovo stile di vita, le tiny house stanno letteralmente rivoluzionando il mercato immobiliare.

Le case di ridotte dimensioni, economiche ed eco-friendly stanno conquistando sempre più persone, tanto da rappresentare un vero e proprio movimento con tanto di manifesto.

Case compatte che ben rappresentano la voglia di rendere il quotidiano più semplice, di concentrarsi sui piccoli piaceri della vita e di appoggiare uno stile di vita sostenibile e a basso impatto ambientale.

Le tiny house non hanno nulla da invidiare alle case più grandi. Grazie a soluzioni intelligenti infatti, le mini case permettono di vivere in modo confortevole anche in pochissimi metri quadrati.

UNA TINY HOUSE PERFETTA PER UNO STUDENTE

Nel Vitra Campus di Basilea, Renzo Piano ha sviluppato uno spazio abitativo di poco più di due metri per due, sufficienti per dare una casa ad uno studente. Un letto, una sedia e un tavolino in una casa in legno del peso di 1,2 tonnellate che funziona con un sistema autonomo per la raccolta e il filtraggio dell’acqua e la produzione di corrente con celle fotovoltaiche e pannelli solari.

TINY HUSE SU RUOTE

Ci sono poi delle alternative che, anche se non rispondono al nome vero e proprio di tiny house, si avvicinano a questa realtà, come le case mobili.

Prerogativa delle tiny house è infatti quella di essere facilmente trasportabili ovunque lo si voglia, oltre al dato non trascurabile della sostenibilità ambientale che le mini case garantiscono.

MUJI HUT

Anche il colosso giapponese Muji ha ultimamente abbracciato il mood delle tiny house: è la Muji Hut.

Costruita in legno giapponese, la Muji Hut misura solo 9 metri quadrati ed è ideale per due persone. Le pareti esterne sono in cedro bruciato con finitura ad olio, così la resistenza aumenta, mentre gli interni sono lasciati grezzi.

Insomma il concept della Muji Hut propone un vero e proprio nuovo modo di abitare: minimal ma allo stesso tempo customizzabile, piccola ma studiata per accogliere più ospiti, artificiale ma si integra alla perfezione con la natura.

UN MICRO VILLAGGIO DI TINY HOUSE

Llano Exit Strategy è un micro villaggio creato da quattro vecchie coppie di amici che hanno scelto di investire nel loro futuro acquistando un piccolo appezzamento di terreno nel quale realizzare delle micro case sostenibili.

Immerso nella natura Texana, il complesso si compone di quattro mini case, una per coppia, da circa 30 mq ciascuna e da una serie di spazi in comune.

Le tiny house sono assolutamente eco-sostenibili grazie all’uso di materiali naturali. Il rivestimento esterno in acciaio ondulato riflettente permette di mantenere una temperatura ottimale sia d’estate che d’inverno. I tetti raccolgono fino a 5000 litri di acqua piovana che viene poi utilizzata per irrigare i campi adiacenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: